23. Juni 2020

La polizia neozelandese sequestra 91 milioni di dollari dall’operatore russo Bitcoin Exchange

Von admin

La polizia in Nuova Zelanda ha confiscato 140 milioni di NZ$ (91 milioni di dollari) all’operatore russo di scambio bitcoin Alexander Vinnik.

Vinnik è il presunto proprietario del crollo della borsa BTC

Vinnik è il presunto proprietario del crollo della borsa Bitcoin Revolution. I fondi sono stati sequestrati da conti bancari detenuti dalla Canton Business Corporation, una società neozelandese registrata che gestisce la borsa.

La polizia ha detto che lunedì è il più grande sequestro nella storia della forza. Vinnik è accusato dai procuratori statunitensi di aver riciclato miliardi di dollari per le associazioni criminali attraverso la piattaforma. Egli nega le accuse.

È stato arrestato in Grecia nel 2017 mentre era in vacanza con la sua famiglia per ordine di estradizione degli Stati Uniti. Vinnik è stato successivamente estradato in Francia, dove rimane in carcere.

Il commissario di polizia neozelandese Andrew Carter ha detto che i fondi sequestrati „probabilmente riflettono il profitto ottenuto dalla vittimizzazione di migliaia, se non centinaia di migliaia, di persone a livello globale a causa della criminalità informatica e del crimine organizzato“.

Carter ha sostenuto che lo scambio BTC-e operava

Carter ha sostenuto che lo scambio BTC-e operava senza controlli e politiche antiriciclaggio, permettendo ai criminali di riciclare fondi illeciti attraverso la borsa.

Ha aggiunto che la polizia neozelandese ha lavorato a stretto contatto con l’Internal Revenue Service (IRS) degli Stati Uniti „per affrontare questo grave reato“. La polizia sta pianificando una richiesta all’Alta Corte di confiscare i fondi sequestrati.

In Francia, Vinnik è accusato di riciclaggio aggravato, estorsione, cospirazione e manipolazione dei dati. Quando il suo caso si concluderà in Francia, ci si aspetta che venga rispedito in Grecia, poi negli Stati Uniti e successivamente in Russia.